Blog

Consigli e trucchi per fotografare le stelle e la Via Lattea

Come fotografare la Via Lattea

Ciao ragazzi,

dopo l’uscita notturna di ieri, ho pensato di lasciarvi qualche consiglio utile per fotografare la Via Lattea, insieme alle foto che abbiamo scattato qui a Fuerteventura nei pressi delle dune di Corralejo.

Come fotografare la Via Lattea, Fuerteventura, Photo Canarias Workshop Pic Andrea Ru

Milky Way, Fuerteventura, Ph Andrea Rubbo, Dati di scatto: 25 sec f2.8 16mm ISO1600

UNA GALASSIA A SPIRALE 

La Via Lattea è la galassia dove abitiamo e nella quale è inserito il nostro sistema solare.

Appare come un insieme di miliardi di stelle caratterizzate da una luce biancastra che si concentra in una fascia che attraversa il cielo in modo più o meno verticale.

Prima di iniziare a scattare è necessario individuare la posizione della Via Lattea e per fare questo io utilizzo un’applicazione per lo smartphone che mi consente di sapere la posizione e il momento ideale per realizzare lo scatto perfetto, io utilizzo PhotoPills con cui mi trovo molto bene sia per la localizzazione in realtà aumentata della posizione della Via Lattea, sia per alba e tramonto del sole e della luna.

FUERTEVENTURA: RISERVA STARLIGHT

Altro fattore fondamentale da considerare è l’inquinamento luminoso, qui a Fuerteventura siamo davvero fortunati! L’isola è Riserva Starlight, si trovano diverse zone dove le condizioni di illuminazione naturale e la nitidezza del cielo notturno sono intatte. Per questo durante i nostri workshop di fotografia del paesaggio organizziamo anche uscite notturne nel parco delle dune di Corralejo e in altre location a basso inquinamento luminoso, come Cotillo o La Oliva.

Ovunque ti trovi da questo sito “light pollution map” puoi vedere l’entità dell’inquinamento luminoso della location in cui andrai a scattare:

DA CHE PARTE GUARDARE? Verso SUD!

QUANDO?

  • Da Aprile a Maggio la via lattea è visibile poco prima dell’alba;
  • Da Giugno ad Agosto è visibile nelle ore centrali della notte;
  • Da Settembre ad Ottobre è visibile nelle ore subito successive al tramonto;

LA COMPOSIZIONE

Una volta che hai determinato il luogo ideale per fotografare la Via Lattea, il tempo di scatto e la posizione dalla quale fare le foto, il resto sono parametri tecnici e tanta fantasia, ti consiglio comunque di comporre sempre uno scatto utilizzando la regola dei terzi o comunque inserendo anche un soggetto come il mare o una montagna per contestualizzare la galassia al meglio.

  • Il corpo macchina deve avere ottime prestazioni alle alte sensibilità, quindi almeno dagli 800 ai 3200 ISO in su, se la tua macchinetta li supporta senza aggiungere troppo rumore. Sotto questo punto di vista di solito le FullFrame lavorano meglio, ma ormai non è più una loro esclusiva
  • Come obiettivo è importante usare aperture con un minimo di ƒ/2.8.  L’obiettivo consigliato è uno grandangolare, io utilizzo un 16-35 Canon f 2.8
  • Per fotografare la Via Lattea fondamentale utilizzare un treppiede molto stabile, tra i treppiedi in commercio puoi dare un occhio alla serie Befree di Manfrotto, leggeri e comodi da portare anche in viaggio
  • Per una corretta messa a fuoco, usa la modalità manuale e imposta la messa a fuoco su INFINITO. Fai attenzione perchè non sempre il simbolo infinito che trovi sulla tua ottica è in realtà il punto esatto, aiutati con il Live View puntando una stella e zoomando sullo schermo

LA REGOLA DEI 600

Senza dilungarmi, voglio darti qualche breve indicazione anche sul tempo di posa.

Come sai la terra ruota intorno al sole e quindi la sua posizione cambia di continuo rispetto alle stelle. Quindi scegliere tempi di esposizione troppo lunghi farebbe apparire le stelle come piccole scie luminose, anziché come puntini luminosi.

Esiste una regola di massima che stabilisce il tempo limite entro cui impostare la posa e viene detta “Regola dei 600”: questa regola indica quali sono i tempi (in secondi) da utilizzare prima che il movimento delle stelle sia percettibile nelle foto. Questo valore si ricava dividendo il numero 600 per la lunghezza focale dell’ottica che state utilizzando (600/lunghezza focale). Così si ottiene un valore riferito al tempo di posa che non andrebbe superato al fine di evitare la visualizzazione di scie luminose.

Beh, una mia personale considerazione, dovuta alla pratica sul campo e anche a varie ricerche, è che questa regola dovrete un pò prenderla con le molle. Io personalmente la utilizzo come indicazione di massima e sostituisco il valore da 600 a 450.

QUALCHE SCATTO DI IERI

Qui vi lascio alcune delle foto che abbiamo realizzato durante l’ultimo shooting fotografico notturno. Abbiamo scattato nella riserva naturale de las Dunas di Corralejo con la luna nuova – condizione ideale per riuscire a vedere meglio la Via Lattea – poco prima che la luna tramontasse.

Se avete dubbi su come fotografare la Via lattea contattatemi, sarò felice di darvi qualche suggerimento.

Vi auguro una buona luce e vi invito a venire a Fuerteventura per un workshop fotografico con noi di Photo Canarias!

A presto,

Andrea Rubbo

Photo Canarias

 

Via Lattea, Fuerteventura, Photo Canarias Workshop

Fuerteventura, Photo Credit Andrea Rubbo, Dati di scatto: 25 sec f2.8 16mm ISO1600

Fotografare la Via Lattea, Fuerteventura, Photo Canarias Workshop fotografico, Ph Andrea Rubbo

Fuerteventura, Photo Credit Andrea Rubbo

Fotografare la via lattea, Fuerteventura, Ph Silvia Panetta

Fuerteventura, Photo Credit Silvia Panetta

 

Fuerteventura, Photo Credit Andrea Rubbo, Dati di scatto: 25 sec f2.8 16mm ISO1600

 


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>


Copyright 2012 Photo Canarias - All rights reserved
web design